Grondaia, ecco come si deve pulire in totale sicurezza

0

Nel momento in cui la grondaia è ricoperta interamente dalle foglie, è arrivato il momento di intervenire. Infatti, l’acqua non riesce più a scorrere in maniera normale e, di conseguenza, bisogna provvedere alla sua pulizia. Si tratta di un’attività che andrebbe portata a termine una o due volte all’anno.

Pulizia della grondaia

Chiaramente, la pulizia della grondaia è una necessità per tutti coloro che vivono in una casa unifamiliare e, di conseguenza, è chiaro come qualsiasi operazione di manutenzione è sulle loro spalle. La pulizia della grondaia è molto importante soprattutto nei periodi in cui le piogge il vento portano foglie su foglie, quasi ad ostruirla.

Rimuovere le foglie

Ebbene, proprio le foglie devono essere prontamente rimosse, in maniera tale garantire il deflusso corretto dell’acqua, facendo in modo che non vada poi a scorrere sul muro e riempirlo di umidità. C’è la possibilità ovviamente di affidarsi all’intervento di un professionista, oppure svolgere la pulizia della grondaia in modo del tutto autonomo.

Occhio al materiale della grondaia

La prima cosa da fare, nel caso in cui si propenda per la seconda ipotesi, è quella di seguire alcuni accorgimenti. Le grondaie in zinco si caratterizzano per garantire un buon livello di resistenza e, di conseguenza, permettono di addossare una scala a pioli. Le grondaie in pvc, invece, hanno caratteristiche diverse e la scala non si può addossare, altrimenti le romperebbero.

I vari accorgimenti

Inoltre, quando si sale sulla scala, è fondamentale che ci siano altre persone nei paraggi, dal momento che qualche possibile intoppo è sempre dietro l’angolo. Quindi, per pulirla, non bisogna mai e poi mai appoggiarsi sulla grondaia, dal momento che si spaccherebbe subito sotto il nostro peso. Per fare in modo che non avvenga l’intasamento, esiste la possibilità di applicare un parafoglie proprio alla base del pluviale.

Controllare il tetto

Nel momento in cui state lavorando per ripulire la grondaia dalle foglie, potete sfruttare la situazione per dare una controllatina alle condizioni in cui versa il tetto. È sufficiente, infatti, che ci sia una tegola spostata per andare a provocare uno scorrimento errato dell’acqua che arriva tramite le piogge.

Come si pulisce

Per pulire una grondaia, serve avvalersi di una cesoia, una scopa, uno straccio, un filtro grigliato, una scala, dei guanti e un trapiantatore di forma curva. Anche le piante rampicanti, nel caso in cui sconfinassero sulla grondaia, si devono tagliare. Per mezzo di uno scopino si può far fuoriuscire tutti i vari detriti presenti al suo interno, mentre il trapiantatore ha la funzione di togliere le foglie, operazione che altrimenti si può svolgere anche solo con i guanti.

Ideepratiche

Potrebbe piacerti anche Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.