Vecchi caloriferi, ecco come verniciarli e adeguarli ad un nuovo uso

0

Avete intenzione di dare nuova vita a dei vecchi caloriferi? Allora, la soluzione migliore da prendere in considerazione è certamente quella di provare a decorarli per farli diventare perfetti per il bagno dei bambini. Dare un tono spiritoso e anche molto colorato può essere la scelta più azzeccata.

Vi siete da poco accorti che i rivestimenti ceramici a parete che avete a disposizione sono eccessivamente neutri per le nuove tendenze stilistiche che avete scelto? Allora dovete sapere che c’è la possibilità di attuare una vera e propria rivoluzione senza andare a rimuovere una sola piastrella, ma optando per dei rivestimenti in resina oppure dando nuovo colore all’ambiente in generale. Come? Verniciando dei vecchi caloriferi.

Come riportare a nuovo vecchi caloriferi

Sì, perché per ravvivare un ambiente che può apparire un po’ spento e tetro si può provare veramente di tutto, anche dare nuova vita ai vecchi caloriferi. È chiaro come sia indicato scegliere delle tematiche piuttosto divertenti e frizzanti, specialmente se si tratta del bagno che viene utilizzato dai bambini (in questo caso un tema acquario sarebbe perfetto).

La cosa migliore da fare è quella di sfruttare dei colori acrilici, che si possono tranquillamente diluire in acqua, con dei pennelli da alternare di differenti misure. La soluzione perfetta è quella che prevede di disegnare, a mano libera ovviamente, tutta una serie di piante oppure di pesci. Insomma, il tipico panorama acquatico.

Tutti coloro che, a livello di creatività e di fantasia, invece, fanno un po’ di fatica, dovrebbero puntare, al contrario, su dei disegni che si possono creare usando la tecnica dello stencil. Il primo passo è chiaramente quello di pulire l’intera superficie del calorifero utilizzando acqua e sapone. Poi si può procedere a mano libera. Chi ha meno esperienza può disegnare i vari soggetti facendo un ricalco utilizzando la carta lucida trasparente. A questo punto, ritagliate gli oggetti e poi applicateli sul calorifero.

Lo sfondo sfumato e l’applicazione dei vari oggetti

Bisogna colorare per prima cosa lo sfondo, in modo sfumato ovviamente, e poi pensare ai diversi soggetti. Trascorsi alcuni giorni in cui si è tutto asciugato alla perfezione, ecco che si può procedere con il passaggio del fissante, che deve essere usato sull’intera superficie che è stata pitturata. È bene ricordare come il fissante debba essere applicato utilizzando una pennellessa.

Nel caso in cui si volesse solamente modificare il colore del radiatore, oppure dare un tocco nuovo alla superficie perché è stata danneggiata, ci sono alcuni accorgimenti che possono tornare utili, come ad esempio quello di puntare su degli smalti per metallo specifici.

Ideepratiche

Potrebbe piacerti anche Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.